3 tendenze omnicanale da tenere d’occhio nel 2023

La crescente affermazione del modello aziendale incentrato sul cliente ha dato il via a una nuova era del marketing: l’omnichannel.

Per soddisfare le esigenze e le aspettative dei consumatori di oggi, infatti, alle aziende è richiesta in via prioritaria l’adozione di una politica omnichannel nella propria strategia di marketing, dando così vita a un nuovo approccio olistico al marketing che utilizza più canali (offline e online) per raggiungere e coinvolgere i clienti.

L’obiettivo delle tendenze omnicanale è evidentemente quello di fornire un’esperienza omogenea e coerente in ogni punto di contatto tra l’azienda e il cliente. Sebbene possa sembrare un compito arduo e per certi versi scoraggiante, in realtà le aziende che desiderano competere sul mercato in modo sostenibile non possono che occuparsi fin da subito di pianificare la propria strategia omnicanale.

Per comprendere quali siano le principali tendenze da tenere d’occhio nel 2023 in questo ambito, di seguito abbiamo individuato tre alternative profittevoli.

Il commercio mobile

Se il commercio mobile – in qualità di tendenza prevalente del prossimo anno – è una realtà che tutti i lettori probabilmente conoscono o immaginano, forse lo stesso non si può dire del commercio conversazionale, per quanto tale tendenza sia certamente destinata ad essere una delle più calde dell’e-commerce.

Ma cos’è il commercio conversazionale?

Per comprendere in maniera più completa questo fenomeno, cominciamo con l’evidenziare che con questo termine intendiamo un nuovo modo di fare business online che prevede l’utilizzo di chatbot o altre forme di intelligenza artificiale per interagire con i clienti in modo naturale e simile a quello umano.

La tendenza, con cui probabilmente tutti noi abbiamo interagito almeno una volta in qualità di consumatori, è da tempo traghettata dalla crescente popolarità delle app di messaggistica come Facebook Messenger e WhatsApp, nonché dall’ascesa degli assistenti vocali come Amazon Alexa e Google Home.

Ciò premesso, il commercio conversazionale è in grado di offrire un’esperienza più personale e intima rispetto alle transazioni di e-commerce tradizionali. Inoltre, può aiutare le aziende a risparmiare sui costi di assistenza ai clienti automatizzando molte attività comuni, come ad esempio rispondere alle domande frequenti e fornire consigli sui prodotti.

Ora, se stai state pensando di incorporare il commercio conversazionale nella tua azienda, ci sono alcune cose che devi assolutamente tenere a mente. Innanzitutto, assicurati che il chatbot o assistente vocale che vuoi usare sia in grado di comprendere le domande dei tuoi clienti potenziali e attuali con un linguaggio naturale. In secondo luogo, progetta il flusso di conversazione in modo che i clienti possano raggiungere i loro obiettivi senza sentirsi frustrati o smarriti, o senza dover proseguire con troppe interazioni con il chatbot. Infine, non dimenticate di testare e ottimizzare costantemente il sistema per assicurarvi che fornisca la migliore esperienza possibile ai clienti. Ricorda che in questo ambito i passi in avanti sono praticamente continui, e che i software che stai utilizzando oggi con successo potrebbero essere improvvisamente “superati” entro pochi mesi.

L’headless commerce

Chiudiamo infine con la terza tendenza, l’headless commerce. In verità, chi dei nostri lettori ha qualche anno in più di esperienza nel settore sa bene che l’headless commerce non è certo una novità del 2022, ma un approccio favorevolmente sperimentato da qualche anno e diffusosi in maniera incrementale con l’avanzare dell’era digitale. Ma di cosa si tratta?

L’headless commerce non è altro che il disaccoppiamento del back end di un sito web dal front end. In altre parole, nell’headless commerce il front-end può essere costruito con qualsiasi tecnologia, senza essere limitato da ciò che alimenta il back-end.

I vantaggi del ricorso a questo approccio tendenziale sono numerosi. In primo luogo, l’headless commerce è un approccio molto flessibile quando si tratta di costruire e distribuire il front-end: si può infatti utilizzare qualsiasi linguaggio o framework e non si è vincolati a quello che alimenta il back end.

Inoltre, con l’headless commerce si può distribuire il front-end molto più velocemente che se lavorassi con un sistema monolitico, e puoi anche usufruire di un immediato miglioramento delle prestazioni, in quanto non si intasa il front-end con codice non necessario proveniente dal back-end. Infine, rammenta che l’headless commerce è molto più scalabile dei sistemi di e-commerce tradizionali, in quanto è possibile aggiungere facilmente nuove funzionalità senza dover riarchitettare l’intero sistema.

Ciò premesso, se stai pensando di passare all’headless commerce, tieni a mente che ci sono alcune cose che dovresti considerare.

In prima istanza, è importante avere una buona conoscenza del front-end e del back-end del sistema. Inoltre, dovresti curare la tua formazione, e quella dei tuoi collaboratori, relativamente alla possibilità di lavorare in un ambiente disaccoppiato. Infine, è necessario scegliere la piattaforma giusta per le proprie esigenze: in un contesto di mercato sempre più ampio e concorrenziale, non sempre è facile individuare il software che per te.

Insomma, a margine di queste brevi riflessioni, non possiamo non sottolineare ancora una volta come l’headless commerce sia uno strumento che merita di essere valutato all’interno di qualsiasi tipologia di organizzazione, considerato che può aiutare a creare applicazioni di commercio elettronico più veloci e scalabili. Se dunque sei alla ricerca di una maggiore flessibilità e velocità di commercializzazione, vale la pena prendere in considerazione l’headless commerce per una implementazione nel breve termine.

Come prepararsi alle nuove tendenze

Sebbene le nuove tendenze che sopra abbiamo voluto condividere con tutti i nostri lettori siano tra le più promettenti, non sono certamente le uniche. Pensa per esempio alla costante ricerca di un miglioramento nella gestione della logistica e dei resi, o ancora alla più moderna digitalizzazione degli store.

In ogni caso, qualsiasi sia la tendenza che scegli di adottare, rammenta che in prossimità dell’inizio del nuovo anno anche la tua azienda dovrebbe divenire consapevole degli ultimi trend omnichannel per rimanere al passo con la concorrenza.

Prova pertanto a strutturare le tue strategie focalizzandoti su questi punti conclusivi:

  • aumento dell’uso dei dispositivi mobili: sempre più clienti utilizzano i dispositivi mobili per ricercare e acquistare prodotti. Questa tendenza è destinata a continuare e, dunque, le aziende dovrebbero assicurarsi che il loro sito web e il loro negozio online siano ottimizzati per smartphone e tablet
  • integrazione dei social media: i social media svolgono un ruolo sempre più importante nel percorso omnichannel dei clienti. Le aziende devono dunque assicurarsi di integrare i social media nella loro strategia complessiva
  • esperienza personalizzata: i clienti si aspettano un’esperienza personalizzata quando interagiscono con i marchi online. Le aziende devono raccogliere dati e utilizzarli per creare un’esperienza unica per ogni cliente
  • intelligenza artificiale: l’intelligenza artificiale diventerà sempre più importante per alimentare i chatbot e altre applicazioni rivolte ai clienti
  • esperienza senza soluzione di continuità: le aziende devono concentrarsi sulla creazione di un’esperienza senza soluzione di continuità su tutti i canali, compresi quelli personali, online e mobili.

Tenendo a mente queste tendenze, le aziende possono fornire ai loro clienti la migliore esperienza possibile, garantendosi un posizionamento di rilievo in ogni settore. Perché rinviare la possibilità di occuparsi di questi trend?