Il ruolo della tecnologia nella trasformazione digitale del mercato Retail

Nel corso degli ultimi dieci anni il mercato retail ha subito un’evidente trasformazione, i cui contorni sono peraltro in continuo mutamento. Dal bisogno di recarsi necessariamente nei negozi fisici alla possibilità di sedersi a casa e acquistare comodamente prodotti online, dal pagamento in contanti per gli acquisti alle transazioni online con carta di credito e portafogli elettronici, dalle gite ai centri commerciali al commercio digitale, il mercato retail sta facendo molta strada nel percorso della completa rivoluzione della vendita al dettaglio.

Insomma, a margine di questo decennio di profonde innovazioni, sembra certo che non ci sia futuro per il settore del commercio al dettaglio senza la trasformazione digitale, con il commercio al dettaglio che sarà sempre più alimentato da dati e tecnologie all’avanguardia.

Nelle prossime righe, abbiamo cercato di riepilogare alcune delle più diffuse adozioni della trasformazione digitale nel retail. Vedremo dunque insieme come cambierà il mercato retail sulla base delle ultime evoluzioni in materia di:

  • – Commercio omnichannel con i dispositivi mobili
  • – Esperienze di acquisto personalizzate e raccomandazioni sui prodotti
  • – Marketing multicanale e social media
  • – Integrazione logistica con i partner di consegna.

Commercio omnichannel con i dispositivi mobili

Diversi studi dimostrano come l’80% dei clienti faccia acquisti da applicazioni mobili, e come il coinvolgimento dei clienti sia molto più elevato della media se si ricorre alle applicazioni mobili, facilmente accessibili sui propri smartphone e sui propri tablet.

Non è peraltro un caso che i brand stiano prestando sempre maggiore attenzione a quegli utenti che hanno conoscenze tecnologiche almeno medie, e che si caratterizzano per un comportamento d’acquisto più impulsivo, proponendo loro l’accesso ai negozi online in qualsiasi momento e a condizioni vantaggiose. Elementi utili – ad esempio – per catturare la loro attenzione e permettere la realizzazione delle transazioni di acquisto mentre si trovano in viaggio o in fila da qualche parte: situazioni che per la generalità dei potenziali clienti potrebbero essere tutt’altro che utili per propendere all’acquisto, ma che per un crescente numero di consumatori digitali più esperti costituiscono una soddisfacente base per la conversione.

I negozi online, e in particolare i marketplace, sono altresì in grado di offrire a questi visitatori più facilmente propensi ad attraversare un percorso snello verso l’acquisto, una vasta varietà di prodotti da confrontare e da acquistare, con offerte di prezzo spesso aggressive e raccomandazioni molto efficaci.

In questo ambito, puntare sul commercio omnicanale permette di usufruire di un importante beneficio: agganciare con ottimi tassi di successo la psicologia del cliente, ricordandogli in diverse occasioni e con spunti di particolare efficienza che avrebbe vantaggi nell’acquistare un prodotto specifico… fino a quando non si traduce in una conversione.

Alla base di questo approccio vi è infatti una profonda filosofia di coinvolgimento dei clienti, personalizzata e mirata, difficile da ignorare e da replicare con altre piattaforme non digitali. A sua volta, tale approccio non può che dipendere, a monte, dalla disponibilità di dati puntuali facilmente reperibili e manovrabili dalla stessa azienda, che attraverso la gestione di tali informazioni potrà proporsi con ancora maggiore efficacia e puntualità al proprio target di riferimento.

Esperienze di acquisto personalizzate e raccomandazioni sui prodotti

Le esperienze di acquisto personalizzate sono una strategia indispensabile per la vendita online di successo: assicurarsi che il cliente sia correttamente segmentato è la chiave per poter applicare tecniche di acquisto individualmente declinate e altre azioni mirate a incrementare il livello di soddisfazione del cliente e spingerlo verso conversioni più facili.

A partire dalle raccomandazioni di ricerca personalizzate, mostrando prodotti correlati o prodotti “che potrebbero piacerti“, fino alla presentazione di promozioni mirate, l’esperienza di e-commerce è sempre più declinata su misura del singolo potenziale cliente. È in tal merito lecito rammentare come tale approccio sia talmente vero e diffuso che oggi i clienti si aspettano un simile livello di declinazione su se stessi.

Insomma, sono definitivamente tramontati i tempi in cui si potevano proporre gli stessi prodotti e le stesse promozioni a tutti. I siti web che hanno imparato a superare questo paradigma hanno rapidamente acquisito posizioni di vantaggio concorrenziale e sono stati in grado di distinguersi con successo nel loro settore di riferimento.

Se quanto sopra è facilmente verificabile, lo è anche – senza ombra di dubbio – il fatto che la creazione di un’esperienza cliente unica e ritagliata su misura della propria controparte costituisce una delle chiavi vincenti (o, forse, LA chiave vincente) per il marketing del futuro. Difficilmente i manager più attenti alla sostenibilità imprenditoriale potranno ignorarla.

Marketing multicanale e social media

Come forse tutti i nostri lettori già sanno, quella che stiamo vivendo è un’era digitale in cui i punti di contatto con i clienti sono sempre più numerosi e, dunque, è sempre più importante realizzare un programma di marketing o di outreach a 360 gradi per il proprio brand.

Dunque, se i marchi riescono a combinare efficacemente canali di comunicazione come Whatsapp, e-mail, SMS, Facebook, Instagram all’interno di un’unica campagna di marketing coesiva, possono raggiungere il cliente giusto con il messaggio giusto, sul canale a cui risponde meglio. La gestione del ciclo di vita dei clienti, con aggiunta alle campagne di nurturing e con la disponibilità di punti di contatto costanti, insomma, dovrebbe essere uno degli obiettivi principali del marketing aziendale.

Integrazione logistica con i partner di consegna

L’integrazione logistica e il ruolo dei partner nella consegna giocano un ruolo chiave nel processo di evasione efficace degli ordini e-commerce, garantendo un processo di consegna più rapido e una facile restituzione dei prodotti, qualora ne ricorra il caso.

Con le innovazioni digitali compiute nel comparto della logistica retail, tutte le organizzazioni possono oggi approfittare di importanti vantaggi. Le aziende più piccole possono ad esempio lavorare con un partner logistico o un aggregatore, mentre le aziende più grandi possono organizzare una propria divisione per le consegne. In ogni caso, si avranno a disposizione API per l’integrazione o il calcolo delle tariffe, e per il tracciamento delle consegne.

Evidentemente, non sono queste le uniche leve che influenzeranno il ruolo della tecnologia nella trasformazione digitale del mercato Retail. Tuttavia, sono un ottimo punto di partenza per le imprese più attente e più desiderose di esplorare le nuove frontiere dell’innovazione digitale, prima di perdere quote di mercato a favore dei propri concorrenti più accorti!

Torna in alto